31 gennaio 2017

Tendenze Blogging nel 2017

 
tendenze-blogging-2017
  • Condividi su:

Che cosa ci aspetta quest’anno come blogger? Le prime settimane dell’anno sono sempre  il momento in cui si guarda ai 12 mesi che ci stanno davanti per capire come migliorare e rimanere al passo coi tempi.

Blogger e influencer godono di un ruolo crescente nel settore dell’informazione. Anzi, in alcuni settori, come ad esempio la moda per Millennials e il cibo, la loro influenza supera anche quella dei media tradizionali. Non c’è dubbio che l’attività di blogging sia ogni anno più gratificante e competitiva. Per questo motivo, al fine di raggiungere il successo e distinguersi dalla mischia, i blogger devono evolversi e crescere nella loro professione.

Che aria tira dunque nella blogosfera per i mesi a venire?

 

Le analisi più recenti puntano su quattro tendenze:

 

  1. Qualità dei contenuti: migliorare l’offerta con originalità e approfondimenti
  2. Diversificazione: il blogging è un business sempre più multicanale e multimediale
  3. Professionalità : cresce l’uso di strumenti per ottimizzare il lavoro in “volo solitario” e/o si costruisce una squadra di professionisti a supporto
  4. Crescita di micro-influencer

 

  1. Qualità dei contenuti

 

Sempre più blogger investono nella qualità dei contenuti  adattando i propri modelli di lavoro alle esigenze dettate da questo obiettivo.

Anche nel 2016 la lunghezza degli articoli è andata via via crescendo nel tentativo di conquistare il favore dei lettori e di ingraziarsi i bot che analizzano il SEO. Secondo la ricerca annuale di Orbit Media la lunghezza media di un post ha raggiunto le 1.085 parole, una crescita del 30% rispetto a soli 2 anni fa!  Di conseguenza molti blogger impiegano più tempo a scrivere i singoli post e pubblicano con minor frequenza.

 

  1. Diversificazione

 

Il blogging sta gradualmente andando oltre la parola scritta diversificando sia il tipo di contenuti sia i canali di distribuzione e promozione. La parola scritta continua a svolgere la parte del leone, ma la parte visiva e i molteplici canali di promozione sono fattori sempre più cruciali per il successo.

 

a. Più media

 

Apriamo con un dato scioccante:  secondo il sondaggio di Orbit Media il 23% dei blogger ancora non includono immagini nei loro articoli! Insomma un post senza un’immagine è un po’ come un gelato senza  cialda, o una cioccolata senza panna: non sono essenziali ma migliorano decisamente l’esperienza. Ci consola il fatto che il 51% dei blogger include ormai più di un’immagine. In effetti uno dei fattori che genera qualità dei contenuti è sempre un giusto equilibrio tra gli elementi scritti e quelli visivi. Ritornando al punto sopra sulla qualità dei contenuti, ciò significa che a un incremento del testo dovrà corrispondere un aumento dei media che, dal punto di vista dell’utenza, contribuiscono a migliorare la fruizione dei contenuti offerti.

 

Video streaming in diretta sarà una delle tendenze più forti per i blogger nel 2017. 

 

A tal proposito, il 2016 sarà probabilmente ricordato come l’anno in cui i blogger si sono finalmente appropriati dei video. Secondo Orbit Media, il 15% dei blogger includono video nei loro articoli e ne confermano l’efficacia in termini di risultati. Questa tendenza è sicuramente influenzata sia dalla disponibilità di streaming video su Facebook (Live) e Instagram (Storie), e anche su YouTube. La diretta video streaming sarà una delle tendenze più forti del 2017.

 

tendenze blogging 2017: live video

 

b. Multicanale

 

I social network continuano a essere i canali più usati per la distribuzione / promozione dei blog e, come abbiamo anticipato nel nostro post di qualche mese fa, la newsletter è  lo strumento che sta maggiormente guadagnando popolarità tra i blogger consapevoli dell’importanza di fidelizzare e mantenere un contatto diretto con gli utenti. L’uso di campagne e-mail per promuovere il blog è cresciuta del 60% dal 2014 a oggi.

Infine, un dato a sorpresa: quasi il 15% dei blogger utilizza pubblicità a pagamento. Sebbene si tratti di una percentuale ancora bassa, va notato che l’uso di questo canale è triplicato in soli due anni.

Questo dato conferma la tendenza di una sempre maggiore professionalità e  imprenditorialità dei blogger che ci porta così al punto successivo:

 

  1. Professionalità

 

La moltiplicazione dei canali, la diversificazione dei mezzi di comunicazione, la ricerca di contenuti di qualità sono tutti fattori che indicano come intorno al blogging si stanno forgiando e consolidando pratiche professionali. Ma ci sono due aspetti che ancora di più evidenziano questa direzione:

 

a. La crescita dei collaboratori

 

Attualmente, i blogger che “volano in solitario” sono meno della metà. Nel 2016 1 blogger su 5 ha assoldato almeno un redattore come aiuto. Con calendari editoriali, media kit, sponsor e inserzionisti, il blogging sta evolvendo in una forma di editoria digitale, e, come tale, richiede una qualità sempre più elevata e la formazione di una squadra per continuare a essere competitivi. Recentemente abbiamo parlato di alcuni strumenti per collaborare e pianificare in uno dei nostri articoli.

 

tendenze blogging 2017: teamwork

 

b. Analytics

 

Questo è un altro dato sorprendente: nonostante tutte le risorse personali che i blogger investono sul proprio lavoro, secondo Orbit Media, quasi la metà di loro (44%) ancora non si preoccupa di controllare regolarmente gli analytics del traffico!  Di nuovo, vi abbiamo già spiegato l’importanza di analytics per la crescita del blog, che aspettate ad implementarli?

 

  1. Micro-influencer

 

Stando a un recente articolo di Fashionista.com , il 2017 offrirà opportunità agli influencer di piccolo e medio calibro che sappiano dimostrare un buon tasso di engagement sui propri social. In effetti, se l’outreach è ormai un’arma comprovata e consolidata nell’arsenale marketing, pochi brand possono permettersi di ingaggiare i grandi influencer con milioni di follower. I brand emergenti puntano a lavorare con i cosiddetti micro-influencer – blogger con un seguito inferiore, magari anche specifico su alcune aree geografiche – ma con un buon tasso di engagement (4-6%). Molti brand sono infatti consapevoli delle scorciatoie che gonfiano i numeri di follower e like, per questo motivo tendono sempre più a lavorare con influencer che dimostrano di avere un rapporto reale fatto soprattutto di conversazioni e scambi con il proprio pubblico. Se volete saperne di piu’ sul fenomeno delle micro-influencer ne abbiamo parlato anche in questo articolo.

 

In conclusione, se nel 2017 volete continuare a crescere come blogger e influencer, non perdete d’occhio questi tre obiettivi:

 

  1. Produrre contenuti eccellenti e adattarli in modo da ottimizzare la distribuzione su più canali social
  2. Innovare, giocare d’anticipo sulle tendenze, che nel 2017 vuol dire puntare sul video e, soprattutto, sul live streaming.
  3. Mantenere il dialogo aperto con il proprio pubblico sui social. Una conversazione vale più di 100 likes.

 

Vi interessa conoscere altre tendenze utili a migliorare il vostro blog? Leggete 8 tendenze del web design nel 2017

 

Happy blogging!